In occasione del centenario della nascita di Marcello D’Olivo (1921-1991) è stata avviata un’attività di analisi geometrica e ricostruzione di alcune sue importanti opere con l’obiettivo di costituire un archivio digitale – esplorabile interattivamente sia in presenza che a distanza – per raccontare la poliedrica produzione del professionista friulano nel panorama architettonico nazionale e interna­zionale. Un primo esito è stato presentato alla mostra Omaggio a Marcello D’Olivo. Geometrie, modelli tattili, realtà virtuale organizzata presso il Polo Scientifico Tecnologico dell’Università degli Studi di Udine in dicembre 2021. Sulla base di disegni conservati presso le Gallerie del Progetto di Palazzo Valvason Morpurgo a Udine, che custodisce la maggior parte dei disegni dell’architetto, e appartenenti a collezioni private, la ricerca si è orientata alla digitalizzazione e modellazione tridimensionale di complessi architet­tonici realizzati e incompiuti, con un triplice scopo: da un lato svelare e documentare l’intimo sistema geometrico dei volumi come strumento didattico fondamentale; dall’altro utilizzare tali modelli per sperimentare nuove tecnologie di navigazione interattiva e di esplorazione dinamica attraverso interfacce di realtà virtuale; una terza finalità è data dalla divulgazione sul territorio, realizzando modelli fisici in prototipazione rapida, per consentire all’utente una percezione aptica in linea con le direttive fornite dal “Design for all” che prevedono di sostituire all’imperativo divieto di fruire tattilmente dei plastici nei musei il più inclusivo “vietato non toccare”. / For the centenary of the birth of Marcello D’Olivo (1921-1991) we started an activity of geometric analysis and reconstruction of some of his important works with the aim of establishing a digital archive –interactively explorable both in presence and at a distance– to tell the multifaceted production of the Friulian professional in the national and international architectural panorama. A first result was presented at the exhibition Homage to Marcello D’Olivo. Geometries, tactile models, virtual reality organized at the Polo Scientifico Tecnologico of the University of Udine in December 2021. Based on drawings kept at the Gallerie del Progetto of Palazzo Valvason Morpurgo in Udine, which houses most of the architect’s drawings, and belonging to private collections, the research has been oriented to the digitization and three-dimensional modelling of realized and unfinished architectural complexes, with a triple purpose: on the one hand to reveal and document the intimate geometric system of volumes as a fundamental teaching tool; on the other hand, to use these models to experiment with new technologies of interactive navigation and dynamic exploration through virtual reality interfaces; a third aim is dissemination on the territory, creating physical models in rapid prototyping, to allow the user a haptic perception according to the directives of the “Design for all” that provide to replace the imperative prohibition to tactically use the models in museums the most inclusive ‘forbidden not to touch’.

Per un archivio digitale di modelli interattivi di Marcello D’Olivo / For a Digital Archive of Interactive Models by Marcello D’Olivo

Sdegno Alberto
;
Veronica Riavis
2022

Abstract

In occasione del centenario della nascita di Marcello D’Olivo (1921-1991) è stata avviata un’attività di analisi geometrica e ricostruzione di alcune sue importanti opere con l’obiettivo di costituire un archivio digitale – esplorabile interattivamente sia in presenza che a distanza – per raccontare la poliedrica produzione del professionista friulano nel panorama architettonico nazionale e interna­zionale. Un primo esito è stato presentato alla mostra Omaggio a Marcello D’Olivo. Geometrie, modelli tattili, realtà virtuale organizzata presso il Polo Scientifico Tecnologico dell’Università degli Studi di Udine in dicembre 2021. Sulla base di disegni conservati presso le Gallerie del Progetto di Palazzo Valvason Morpurgo a Udine, che custodisce la maggior parte dei disegni dell’architetto, e appartenenti a collezioni private, la ricerca si è orientata alla digitalizzazione e modellazione tridimensionale di complessi architet­tonici realizzati e incompiuti, con un triplice scopo: da un lato svelare e documentare l’intimo sistema geometrico dei volumi come strumento didattico fondamentale; dall’altro utilizzare tali modelli per sperimentare nuove tecnologie di navigazione interattiva e di esplorazione dinamica attraverso interfacce di realtà virtuale; una terza finalità è data dalla divulgazione sul territorio, realizzando modelli fisici in prototipazione rapida, per consentire all’utente una percezione aptica in linea con le direttive fornite dal “Design for all” che prevedono di sostituire all’imperativo divieto di fruire tattilmente dei plastici nei musei il più inclusivo “vietato non toccare”. / For the centenary of the birth of Marcello D’Olivo (1921-1991) we started an activity of geometric analysis and reconstruction of some of his important works with the aim of establishing a digital archive –interactively explorable both in presence and at a distance– to tell the multifaceted production of the Friulian professional in the national and international architectural panorama. A first result was presented at the exhibition Homage to Marcello D’Olivo. Geometries, tactile models, virtual reality organized at the Polo Scientifico Tecnologico of the University of Udine in December 2021. Based on drawings kept at the Gallerie del Progetto of Palazzo Valvason Morpurgo in Udine, which houses most of the architect’s drawings, and belonging to private collections, the research has been oriented to the digitization and three-dimensional modelling of realized and unfinished architectural complexes, with a triple purpose: on the one hand to reveal and document the intimate geometric system of volumes as a fundamental teaching tool; on the other hand, to use these models to experiment with new technologies of interactive navigation and dynamic exploration through virtual reality interfaces; a third aim is dissemination on the territory, creating physical models in rapid prototyping, to allow the user a haptic perception according to the directives of the “Design for all” that provide to replace the imperative prohibition to tactically use the models in museums the most inclusive ‘forbidden not to touch’.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sdegno_Riavis_Disegno 2022.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Creative commons
Dimensione 8.81 MB
Formato Adobe PDF
8.81 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Sdegno_Riavis_Disegno_eng.pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 8.79 MB
Formato Adobe PDF
8.79 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1228986
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact