Di Tasso, di Leopardi e dell'"Infinito"