Un sonetto da togliere a Tommaso Crudeli (e da restituire a Francesco Moneti?)