Tra caldo e freddo. Sui gradi di un’antonimia