Aristocrate figlio di Scelio: storiografia e oratoria a confronto?