L’erbario anglosassone, un’ipotesi sulla data della traduzione