Protesilao, Paride e l'amante elegiaco: un modello omerico in Ovidio