Empietà e titanismo nella rappresentazione siliana di Annibale