Sul tracciamento della carta di Nichols della sensibilità