Sulla definizione e l’uso delle categorie analitiche