«Solita forma» del duetto o del numero? L’aria in quattro tempi nel melodramma del primo Ottocento