La «Rossini renaissance» nel Novecento: una breve ricognizione critica