Sulla fonte dei «Cantari di Apollonio di Tiro» di Antonio Pucci