Sulla durata del patto di prelazione