Il "terrible power" di Burke e la contraddizione romantica