Iperplasia emimandibolare e allungamento emimandibolare: ruolo della scintigrafia ossea