La disciplina delle “contestazioni a catena” tra sospetti di incostituzionalità e discrezionalità del legislatore