Aristotele e un presunto lapsus di Seneca,