«Don’t try this on your own»: La poesia britannica del secondo Novecento tra intrattenimento e sperimentazione