Qualche nota su Pietro Edo e su una strofa De Iusticia