Sulla democrazia rappresentativa in John Stuart Mill