I "Cahiers" e lo "Scorpione": linguaggio e dominio