La scintigrafia salivare sequenziale nella sindrome di Sjögren: utilità di un nuovo parametro di lettura