Su Gaspare Pellegrino (e sull’Università di Napoli in età aragonese)