Un’apparente conquista che nasconde l’insidia di discriminazioni risarcitorie