Le novità introdotte dalla riforma del diritto societario con riguardo al termine per l’esercizio dell’azione sociale di responsabilità degli amministratori di una società per azioni hanno fatto emergere un problema di qualificazione dello stesso, nella nuova formulazione offerta dall’art. 2393, quarto comma, c.c.; ciò ha diviso la dottrina tra quanti sostengono che si tratti di un termine di prescrizione e quanti, invece, propendono per l’inquadramento dello stesso come decadenza. Al riguardo risultava pacifico, prima della riforma, che all’azione sociale di responsabilità degli amministratori si applicasse la prescrizione quinquennale prevista in termini generali dall’art. 2949 c.c. Il punto decisivo riguardava, allora come oggi, il problema dell’individuazione del momento da cui decorre il termine quinquennale, dato per acquisito, in termini generali, il principio per cui «la prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere» (art. 2935 c.c.). Il presente scritto si propone di analizzare il contributo che il diritto della navigazione può fornire nella qualificazione del termine in esame. Lo stesso procede dalla considerazione della comune origine e del perdurare di problematiche affini tra diritto commerciale e diritto della navigazione. Analizza quindi la responsabilità sociale degli amministratori di una società per azioni, la natura del termine per l’esercizio dell’azione sociale di responsabilità ed apporta rilievi critici sulla decorrenza del termine per l’azione in un momento antecedente al sorgere del danno e del conseguente diritto all’azione Esamina quindi la qualificazione del termine come di prescrizione o di decadenza nel diritto dei trasporti, il termine di estinzione dei diritti nelle regole dell’Aja-Visby, le regole di Amburgo, la Convenzione di New York del 2009 sui contratti per il trasporto internazionale di merci interamente o parzialmente per mare (regole di Rotterdam), i termini di prescrizione e decadenza nella Convenzione di Atene, la Convenzione di Montreal, prescrizione e decadenza nella regola XXIII delle regole di York e Anversa, ed infine propone delle considerazioni finali e dei profili ricostruttivi.

Prescrizione e decadenza nell’azione sociale di responsabilità contro gli amministratori: il contributo del diritto della navigazione alla qualificazione del termine

SEVERONI, Cecilia
2012

Abstract

Le novità introdotte dalla riforma del diritto societario con riguardo al termine per l’esercizio dell’azione sociale di responsabilità degli amministratori di una società per azioni hanno fatto emergere un problema di qualificazione dello stesso, nella nuova formulazione offerta dall’art. 2393, quarto comma, c.c.; ciò ha diviso la dottrina tra quanti sostengono che si tratti di un termine di prescrizione e quanti, invece, propendono per l’inquadramento dello stesso come decadenza. Al riguardo risultava pacifico, prima della riforma, che all’azione sociale di responsabilità degli amministratori si applicasse la prescrizione quinquennale prevista in termini generali dall’art. 2949 c.c. Il punto decisivo riguardava, allora come oggi, il problema dell’individuazione del momento da cui decorre il termine quinquennale, dato per acquisito, in termini generali, il principio per cui «la prescrizione inizia a decorrere dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere» (art. 2935 c.c.). Il presente scritto si propone di analizzare il contributo che il diritto della navigazione può fornire nella qualificazione del termine in esame. Lo stesso procede dalla considerazione della comune origine e del perdurare di problematiche affini tra diritto commerciale e diritto della navigazione. Analizza quindi la responsabilità sociale degli amministratori di una società per azioni, la natura del termine per l’esercizio dell’azione sociale di responsabilità ed apporta rilievi critici sulla decorrenza del termine per l’azione in un momento antecedente al sorgere del danno e del conseguente diritto all’azione Esamina quindi la qualificazione del termine come di prescrizione o di decadenza nel diritto dei trasporti, il termine di estinzione dei diritti nelle regole dell’Aja-Visby, le regole di Amburgo, la Convenzione di New York del 2009 sui contratti per il trasporto internazionale di merci interamente o parzialmente per mare (regole di Rotterdam), i termini di prescrizione e decadenza nella Convenzione di Atene, la Convenzione di Montreal, prescrizione e decadenza nella regola XXIII delle regole di York e Anversa, ed infine propone delle considerazioni finali e dei profili ricostruttivi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Severoni anno 2012.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 259.24 kB
Formato Adobe PDF
259.24 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11390/870569
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact