Musei virtuali, internet e domanda di beni culturali