Su un gioco di parole nel linguaggio pubblicitario